nimble_asset_Zunarelli-home
nimble_asset_IMG_3286

Se per Itaca volgi il tuo viaggio,
fa voti che ti sia lunga la via,
e colma di vicende e conoscenze.

Reduce così saggio, così esperto,
avrai capito che vuol dire un’Itaca.

(Itaca – K. Kavafis)

Cos’è la Comunicazione Empatica Non Violenta?

Molto più di uno strumento di comunicazione, è un modo di essere, la ricerca di una qualità di contatto con sé e con l’altro che onora la vita. (…) La comunicazione empatica non violenta ci permette di imparare un linguaggio nuovo per riconoscere ed esprimere il movimento della vita dentro di noi, in connessione profonda con il cuore e le emozioni viscerali.

Mediazione dei Conflitti

La mediazione ha l’obiettivo di fare circolare la parola e assicurare l’ascolto reciproco. Con l’aiuto del mediatore si ha la possibilità di contattare, esprimere ed ascoltare i sentimenti e i bisogni dentro le parole che ognuno dice per tracciare la strada della connessione da cuore a cuore. I mediati sono accompagnati a comprendere reciprocamente i vissuti soggettivi in modo da aprire nuovi spazi interiori di dialogo e di incontro.

L’Esplorazione corporeo-relazionale 

Cerca di dare spazio alla vita interiore di ciascuno e invita a tentare di “ricevere la propria vita” in ogni suo movimento, in ciò che accade nella relazione con sé, con un’altra persona e nel gruppo. È una ricerca che propone di fare spazio a tutto di sé e dare accoglienza al proprio vissuto così com’è (sensazioni, emozioni, immagini, ricordi, memorie, intuizioni, silenzi …) attraverso il corpo/relazione, sede dell’esperienza, e la circolazione della parola.

· Cosa dite del lavoro nel gruppo… ·

Esplorare vissuti ed esprimerli,

liberando memorie con il corpo e la parola.

Incontrare sé e l’altro nello stimolo reciproco,

riconoscendo sentimenti e bisogni.

Ricostruire esperienze dei propri panorami esistenziali profondi

per aprire spazi interiori di accoglienza amorevole alla vita

nelle sue infinite ed inevitabili manifestazioni.

Contattarsi e costruirsi.

Grazie di cuore per queste parole che avete voluto lasciarmi!

Sostegno e Calore

Incontrarsi con persone sensibili e speciali per diversi giorni è un privilegio particolare.
Quello primario, per la mia esperienza, consiste nella possibilità di uscire dal quotidiano, dagli impegni ripetitivi e frenetici, che consistono soprattutto nel “fare”.
È come entrare in un'altra dimensione, con un respiro più grande e tempi dilatati, più vicini alla mia natura.
È un tempo sospeso in cui si crea una magia, grazie alla presenza di compagni di viaggio anche loro in cammino e in ricerca, con bisogni comuni ed esperienze diverse.
Nel fluire degli scambi, dei dialoghi con le altre persone avverto una risonanza, un riverbero delle storie raccontate.
La fiducia di trovarmi in un posto sicuro e protetto, spesso mi fa scivolare in un sonno particolare, non profondo ma rigeneratore, a tratti mi arrivano echi di parole che mi fanno compagnia e sento che sono benefiche.
Ogni volta mi meraviglio delle esperienze condivise dagli altri, che fanno riflettere sulle nostre personalità così ricche, che reagiscono in modo creativo agli stimoli della vita prendendo percorsi variegati.
Sento un filo che ci lega, nonostante abbiamo età, vissuti e caratteri diversi.
Di sicuro esternare emozioni ed elaborarle con l'ascolto attivo del gruppo mi da sostegno ed energia, mi serve per rincuorarmi, essere solidale, acquisire nuove visioni e chiavi di lettura utili ad evolvere nel mio percorso.
(Maria)

Finalmente Esisto

L'esperienza di gruppo aiuta molto.
Diventa un' occasione per entrare in contatto con l'altro e stabilire un legame che nasce da quelle corde che si trovano nel profondo di me e che vengono toccate dall'esperienza dell'altro, che per certi aspetti diventa anche la mia.
Non è comunque facile, la paura di quest'incontro rimane sempre tutte le volte perché mi chiedo sempre se il gruppo ne ha voglia visto che non parlo mai di cose buone e mi sembra sempre di non essere andata avanti ma di essere ferma sullo stesso binario da troppo tempo.
Se comunque non sono predisposta faccio fatica ad entrare in contatto con il gruppo e al tempo stesso a quest'ultimo è richiesto uno sforzo non indifferente per entrare in contatto con me o quantomeno capirmi….se di capire si tratta.
Rimane un' esperienza di cui sento la mancanza.
E' un'esperienza dove posso dire a me stessa che finalmente esisto pur nella mia fragilità…dove esisto senza maschere …dove posso contare qualcosa…dove il tempo per me c'è ….
La parte difficile rimane l'espressione corporea e il contatto diretto con l'altro (tipo fare qualcosa con lui/lei)….ma al momento non riesco a scrivere molto su questo aspetto.
Sento solo paura e disagio….un senso di inferiorità.
(Isabella)

Infinite Possibilità

Il GRUPPO

Una bolla all’interno della quale mi è concesso librarmi con tutta LIBERTA’, libera di vedere la mia fragilità e vulnerabilità, libera di piangere quelle lacrime mai uscite

PROTETTA dal gruppo, percepire che non sono giudicata e ove lo sentissi avere la guida per entrare dentro quelle parti di me che mi limitano in quanto autogiudicanti.

Il gruppo come CANALE attraverso cui le storie e i dolori degli altri portano a galla mie emozioni e sensazioni che mi lasciano stupita perché non conosciute, quindi infinite possibilità di scoprirsi nuova ogni volta.

La FORZA che ho sentito, le paure più profonde che da sola sembrano insostenibili il gruppo le scioglie e fa vedere la possibilità di convivere anche con i dolori per me giganti, stimolandomi al miglioramento “interno”.

Il gruppo mi ha dato coscienza delle infinite diversità e quindi molteplici possibilità che da sola non avrei conosciuto né sperimentato.
(Vittoria)

La Forza del Gruppo

Non puoi sentire l’altro se non riesci a sentire te stesso. O, detto in altri termini, è difficile conoscere gli altri senza avere conosciuto se stessi.
La mia esperienza di lavoro di gruppo, a partire da Rio Abierto, mi porta a dire che il primo aspetto, quello come dire preliminare, è il fatto di essere in gruppo, tutti assieme. Il lavoro di gruppo e nel gruppo caratterizza il lavoro. Il gruppo si muove ed agisce secondo il progetto e sotto la guida di Marzia, che propone di volta in volta il percorso legato allo specifico argomento da affrontare.
L’altro aspetto secondo me fondamentale è rappresentato dall’essere in una condizione “protetta”, dal momento che il gruppo consente e provoca questa condizione particolarmente favorevole. Infatti chi partecipa al gruppo si rende presto conto di potere esprimere se stesso nella massima libertà, dal momento che le condizioni di ciascuno e le regole del gruppo consentono di farlo. Che poi lo si riesca a fare è un altro aspetto. Nel gruppo ci si rende conto in poco tempo che ciascuno dei partecipanti ha i propri problemi e le proprie ritrosie. Poi ci si rende conto di trovarsi nelle stesse condizioni degli altri partecipanti: scoprendo che tutti hanno problemi, magari diversi, ma in fondo ci assomigliamo tutti nelle nostre differenze.
Proprio per questa possibilità e questa libertà di espressione del gruppo e dei singoli nel gruppo rappresenta, secondo me, la massima possibilità di liberare se stessi nel rispetto e nel confronto. E questo lo si nota di più se il gruppo è residenziale, dal momento che questa potenzialità viene ancora di più amplificata.
Non c’è nulla di magico in tutto questo. Chi vuole e chi riesce trova gli altri in ascolto, che non giudicano, che condividono e che spesso ci si riconoscono; e spesso il gruppo si accorge se qualcuno bluffa o partecipa distrattamente.
Il gruppo è capace di generare quella energia che sostiene e nutre tutti i partecipanti; si soffre con chi soffre, si cura chi ha bisogno, si trasmette calore a chi ha freddo. Ma nel gruppo siamo anche curati e siamo anche scaldati.
Nel gruppo, volendo, si impara anche a non avere paura e ad accettare il contatto, che spesso ci sembra così difficile da sopportare. Nel rispetto dell’altro si impara a toccare, a massaggiare, a sfiorare e a lasciarsi toccare, massaggiare e sfiorare. E a sentire il piacere nel dare e nel ricevere il tocco e il calore. 
(Marco)

Assonanze: siamo meno soli

Quando mi fu proposto il lavoro psicologico di gruppo, in verità, pur essendo persona che gradisce la condivisione, mi indusse ad un momento di riflessione; si trattava di parlare di sé e di andare alle origini di ogni fastidio, dolore, consuetudine e trauma e lasciarsi condurre alla riemersione di cose velate o per sopravvivenza o per oblio, quest’ultimo non dimenticato dalla parte più profonda dell’inconscio, tutto ciò ovviamente espresso in una piazza protetta, ma sempre fuori.

L’esperienza è stata fruttuosa, infatti la ripeto periodicamente, imparando molto dai racconti dei partecipanti che inevitabilmente sollecitano sfumature di me che altrimenti non sarebbero mai affiorate. Ho imparato ad elaborare ed a lasciare andare molte cose che per abitudine mi irritavano, ad usare con gli altri il linguaggio che avrei voluto usassero con me, sono meno giudicante, perché le dinamiche del vissuto e delle percezioni a volte (quasi sempre) viaggiano nonostante noi.

Nei gruppi, dove ho partecipato, si creano situazioni a volte imprevedibili e spiazzanti, che mediati mi hanno offerto la possibilità di sostenerli, con fatica, ma alla fine, in maniera positiva per me e per gli altri; in parole spicce “Si impara a stare al mondo imparando a sotterrare l’ascia di guerra con noi e con gli altri”.

Quando si decide di aderire a questa esperienza, dove è necessario ricavarsi del tempo, impegnare risorse economiche, avere voglia di incontrare altre persone, spesso sconosciute, mettersi in gioco fisicamente, aprire i cassetti della propria vita e guardare i cassetti degli altri per rovistare e capire l’ordine di ciò che vi è dentro, lasciandosi guidare da chi dirige i lavori, è necessario essere molto motivati avendo fiducia che tutto ciò vada a far luce negli angoli più nascosti e segreti della nostra psiche, dando a noi la possibilità di alleggerirci di molti fardelli e di cogliere nel racconto degli altri assonanze e possibilità di comprendere cose che in un lavoro individuale non capiremmo, perché a dire le stesse cose con linguaggi differenti dai nostri ci si aprono possibilità di visione che altrimenti non avremmo.

Si fa vita comunitaria, colazioni, pranzi, cene e tisane varie, spesso si dorme con altri e anche questo ci induce a verificare aspetti di noi, insomma a rompere schemi che si pensava invalicabili.

È un’offerta interessante per fare un viaggio nel proprio e altrui sentire, per scoprire che siamo meno soli, non perché “mal comune mezzo gaudio” ma per scoprire la nostra origine e imparare a giudicare sempre meno, perché ognuno di noi è unico e uguale.
(Sofia)

 

La direzione e il senso del percorso interiore

“Il modo in cui noi umani siamo, è una casa per gli ospiti. Ogni mattino un nuovo arrivo…

Da me … potrai trovare

uno spazio protetto per incontrarti e raccontarti…
uno spazio di accoglienza per la tua interiorità…

Come trovarmi

Lasciati ispirare e

segui la strada per arrivare da me…